Premessa: Questo articolo è stato scritto nel 2014 ed è una visione dell’autore attraverso le lenti di Spiral Dynamics della situazione Russa con l’Occidente di 8 anni fa. Rileggendolo oggi capiamo meglio come sia una lettura ancora straordinariamente attuale.

È difficile scrivere un articolo innescato da, ma non su, una crisi in corso che non ha un esito ovvio in un lasso di tempo prevedibile. L’esercito Ucraino potrebbe guadagnare terreno, ma la preoccupazione delle Nazioni Unite per una crescente crisi umanitaria potrebbe costringerli a rallentare i loro assalti, forse aiutati da razzi lanciati contro di loro presumibilmente da oltre il confine Russo. Il fatto brutale è che l’Occidente non andrà in guerra per la guerra civile di basso livello ma brutale nell’Ucraina orientale. È probabile che l’Occidente continui a sostenere Kiev diplomaticamente e con forniture militari e intelligence e ci saranno riluttanti aggiornamenti incrementali alle sanzioni dell’Unione Europea contro la Russia (e sanzioni Russe di rappresaglia contro l’Occidente); ma nessun soldato Americano o Europeo morirà per Donetsk o Luhansk, anche se ci dovesse essere un’aperta incursione militare Russa.

I miliziani Russi che causano problemi negli Stati baltici potrebbero essere una proposta molto diversa, però. Gli obblighi del trattato significherebbero quasi certamente che uno qualsiasi degli Stati Baltici che soffrono di un’insurrezione secessionista guidata da irregolari Russi e alimentato da armi Russe sarebbe in grado di chiedere alla NATO di aiutare a difendere la sua integrità territoriale, a condizione che si possa dimostrare in modo convincente che una “potenza straniera” (la Russia) stia minacciando tale integrità territoriale. E, mentre nessuno sano di mente lo vorrebbe, le schermaglie militari ai confini della Lettonia, l’Estonia e la Lituania potrebbero facilmente andare fuori controllo e trasformarsi in una vera guerra.

Parte della sfida, quindi, è minare l’ultranazionalismo Russo che sta alimentando l’insurrezione nell’Ucraina orientale prima che si diffonda ulteriormente.

Una seconda parte della sfida, tuttavia, è trovare modi per esprimere il nazionalismo Russo in modo sicuro e sano senza terrorizzare i vicini della Russia.

Perché queste cose accadano, l’Occidente deve capire la Russia e rispettare i suoi interessi. I media occidentali devono smettere di trattare Vladimir Putin come alcuni neo-Adolf Hitler e i governi occidentali devono sostenere Putin nel regnare negli ultra-nazionalisti migliorando quei fattori che alimentano l’ultra-nazionalismo Russo.

Putin stesso dovrà correre rischi sostanziali.

Un contesto Sociopsicologico

Quando l’Unione Sovietica alla fine crollò nel 1991, l’Occidente – e gli Stati Uniti in particolare – lo lessero come il comunismo sconfitto dal capitalismo. Era una narrazione semplicistica che si adattava alle opinioni ultra-libere di mercato di George H. Bush alla Casa Bianca e Margaret Thatcher a Downing Street. Nelle successive fantasie del libero mercato, si presumeva che la Russia, i suoi paesi satelliti e i suoi ex partner del Patto di Varsavia sarebbero diventati fertili terreni di coltura per i Meme capitalisti – i Meme, essenzialmente, sono idee che infettano le menti, dagli individui a intere culture. L’apertura del primo fast food da asporto macDonald’s a Mosca nel 1990 è stata lodata dai media occidentali come il primo segno dell’infezione capitalista che sta prendendo piede.

Tuttavia, se scaviamo un po ‘più a fondo, usando strumenti sociopsicologici, possiamo vedere che l’Occidente ha praticamente sbagliato negli ultimi giorni del governo di Mikhail Gorbaciov e da allora ha in gran parte sbagliato sulla Russia.

Uno strumento sociopsicologico chiave per questa esplorazione è Spiral Dynamics, sviluppato da Don Beck & Chris Cowan (1996) dal lavoro di Clare W Graves (1970, 1971). Graves stesso era un corrispondente e talvolta collaboratore di Abraham Maslow. Graves influenzò Maslow (1971) nelle sue ultime formulazioni sul famoso ‘Hiearchy of Needs’; e Spiral Dynamics incorpora i principi chiave “Maslowian”, mentre costruisce ed estende i concetti di Gerarchia in modo considerevole.

Il concetto di base è che i vMEMES, sistemi motivazionali, emergono in ordine gerarchico e fluiscono e rifluiscono nella loro influenza sui pensieri e sul comportamento in sincronia con le condizioni di vita vissute in quel momento. Molti psicologi dello sviluppo dell’era di Graves stavano arrivando a conclusioni simili su valori, bisogni ed emergenza – non ultimi Jane Loevinger e Lawrence Kohlberg – anche se Graves, Spiral Dynamics fornisce il modello più completo. Vedi il grafico qui sotto.

(Ci sono diverse introduzioni di base a vMEMES e Spiral Dynamics disponibili sul web. Il mio è a https://www.integratedsociopsychology.net/theory/vmemes/
Una mappa di confronto di Spiral Dynamics e modelli simili è disponibile a https://www.integratedsociopsychology.net/theory/vmemes/comparison-map/)

In termini di Spiral Dynamics, il capitalismo radicale del mercato ultra-libero emerso in Occidente durante il periodo della Thatcher e di Ronald Reagan è stato guidato dall’vMEME ARANCIONE. L’attenzione si è concentrata sugli individui che raggiungono obiettivi strategici come la creazione di ricchezza e l’avere le cose migliori nella vita. L’ipotesi fatta in Occidente era che, con il crollo dello stato di polizia comunista ordinato e repressivo (BLUE), l’imprenditorialità e l’impresa strategica dell’ARANCIONE sarebbero emerse man mano che le persone godevano della libertà di migliorare se stesse.

Tuttavia, sembra che ci siano pochi leader occidentali con molta comprensione reale di come si sviluppano i sistemi motivazionali umani. Maslow stabilì chiaramente nella Gerarchia originale che, quando un livello inferiore è in difficoltà, l’attenzione scende nella Gerarchia per affrontare i problemi. Così, quando l’ordine BLU dello stato totalitario sovietico fu smontato, non era tanto l’ARANCIONE (superiore) che dominava nelle nuove libertà, ma il ROSSO (inferiore). Questo vMEME è egocentrico, vive principalmente per il momento e fa esattamente ciò che gli piace con poca o nessuna coscienza o pensiero di conseguenze. In tanti modi, è l’epitome di ciò che Sigmund Freud (1923) intendeva per Id. La Russia ha sofferto anni di caos, instabilità, corruzione e gangsterismo a causa della perdita di così tanto ordine BLU sovietico che poi ha permesso al ROSSO di prosperare.

L’incapacità dei leader occidentali di leggere accuratamente i potenziali scenari ha portato alla catastrofica cattiva gestione dell’Afghanistan e dell’Iraq. L’incapacità di comprendere la natura del tribalismo, guidata dalla necessità del vMEME VIOLA di trovare sicurezza nell’appartenenza, ha portato ai tentativi confusi di implementare la democrazia in stile occidentale (un’armonica vMEME di BLU, ARANCIONE e VERDE che lavorano insieme) in quei paesi con conseguenze disastrose. Le persone in quei paesi hanno votato nell’interesse della tribù/setta a cui appartenevano e come gli anziani tribali hanno istruito, piuttosto che soppesare le questioni e votare per merito nell’interesse nazionale come dovrebbero fare i veri democratici.

Lo psicologo antropologico John Berry (1969) lo chiama “etico imposto”. Questo è quando, una norma culturale locale o regionale (emica) viene trattata come una norma universale (etic) quando non lo è (imposta etic).

Strettamente connesso con l’etic imposto è il “False Value Consensus”, un termine che Lee Ross et al (1977) hanno escogitato per descrivere l’assunto che tutti gli altri la pensano come te e hanno gli stessi valori che hai tu. Inoltre, Ross et al hanno identificato il modello cognitivo che, quando diventa inevitabile che gli altri non la pensino come te e non condividano i tuoi Valori, consideri difettosi coloro che deviano o addirittura si oppongono al tuo punto di vista. C’è qualcosa di sbagliato in loro perché non pensano come te.

Così, i leader occidentali denigrano i musulmani fondamentalisti che non hanno alcun interesse che l’Afghanistan diventi democratico e sono confusi sul motivo per cui sunniti e sciiti si massacrano a vicenda in Iraq piuttosto che raggiungere un compromesso “ragionevole” attraverso l’urna elettorale.

Inconsapevolmente, forse, hanno commesso simili tipi di errori con Putin e la Russia.

Putin: salvatore e nazionalista

Nell’anno prima che Putin diventasse il primo ministro di Boris Eltsin, la Russia sembrava aver raggiunto il suo apice caos. Lo stato era inadempiente sul suo debito e gli stipendi per i lavoratori del settore pubblico e le pensioni venivano pagate con mesi di ritardo, se non del tutto. Le infrastrutture di base stavano crollando e i beni più preziosi del paese appartenevano a una manciata di oligarchi ben collegati che gestivano gran parte del paese come feudi privati. Putin ha riconosciuto che tutta quell’indulgenza e dissipazione (ROSSO) aveva bisogno di ordine (BLU) – e questo è stato ciò con cui è iniziata la restaurazione della Russia. Per Putin, l’ex ufficiale del KGB, rimettere ordine nella società – con la forza, se del caso – era qualcosa che apprezzava.

L’economista internazionale Anders Aslund (2008) sottolinea che, nei suoi primi anni come presidente e/o primo ministro, Putin ha attuato riforme che hanno ridotto la criminalità e la corruzione, permesso la crescita economica, tagliato il costo dello stato, creato le condizioni per sfruttare le enormi risorse di gas e petrolio della Russia e permesso alle piccole e medie imprese di crescere di anno in anno di una media del 7%. Reintroducendo un grado più che moderato di BLU, Putin ha facilitato la crescita di un ARANCIONE sano.

Anders ha notato ultimamente – e con preoccupazione – qualche inversione delle prime riforme di Putin, con la crescita dell’apparato statale e l’aumento della corruzione in alcuni ambienti – spesso quelli in qualche modo collegati personalmente a Putin o ai suoi interessi. Una serie di articoli più recenti – ad esempio: Bill Gertz (2014) di The Freedom Network – hanno fatto accuse luride sulla fortuna personale di Putin fortemente legata a pratiche corrotte. Se fosse vero, allora questo indicherebbe che RED sta riguadagnando trazione nelle alte sfere delle relazioni tra governo e affari della Russia.

Qualunque sia il livello di corruzione che la Russia ha sopportato sotto Putin in tempi più recenti, l’impulso alla crescita economica sembra solo aver rallentato piuttosto che invertito, con il paese una centrale elettrica di gas e petrolio (in particolare agli Europei). Come Stephen Dalziel del Daily Telegraph ha sottolineato nel 2011, tuttavia, la dipendenza della Russia dalle esportazioni di gas e petrolio può essere ridotta solo costruendo la sua base di piccole e medie imprese (PMI) – solo il 20% delle imprese, rispetto all’80% nel Regno Unito. Secondo Dalziel, le PMI in Russia sono ostacolate da troppa vecchia burocrazia in stile sovietico (ROSSO / BLU) e non c’è da nessuna parte abbastanza sviluppo nelle infrastrutture per massimizzare il commercio.

Naturalmente, non tutti hanno beneficiato allo stesso modo e la Russia soffre di enormi disparità sociali, con un’incredibile ricchezza condivisa tra pochi mentre intere fasce della popolazione sono intorno o al di sotto del livello di povertà. (Ma il Regno Unito ha disparità simili, anche se a estremi generalmente minori, con il divario tra ricchi e poveri al suo massimo dal 1960.)

Militarmente, quando Putin salì al potere, l’esercito Russo, un tempo potente, aveva recentemente perso una guerra nell’aspirante repubblica separatista della Cecenia, un luogo con meno abitanti di quanti la Russia avesse soldati. (Secondo Carlotta Gall & Thomas de Waal nel 1997, la Russia perse più carri armati nella battaglia di Grozny del 1994-1995 di quanto non fece nella battaglia di Berlino del 1945!) Tre ex alleati del Patto di Varsavia avevano aderito alla NATO, portando l’alleanza occidentale fino ai confini della Russia. Ciò era in contrasto con Gorbaciov che presumibilmente accettava la riunificazione tedesca all’interno della NATO dopo che gli era stato promesso che la NATO non si sarebbe espansa “di un pollice a est” (Johanna Granville, 2000).

Ed è questa espansione della NATO – vedi grafico sotto – che i nazionalisti come Putin percepiscono come la minaccia esistenziale al senso di sé della Russia, secondo commentatori come Stephen Wayne Kasica (2014). Kasica afferma che Putin crede che la disgregazione dell’Unione Sovietica sia stata una catastrofe per la Russia e che vuole riportare indietro le lancette dell’orologio e creare un nuovo impero Russo nei territori dell’ex Unione Sovietica.

Diritto d’autore © 2014 BBC

È dubbio che Putin lo voglia davvero, anche se fosse possibile (cosa che non è). Ma non c’è dubbio che Putin sia un nazionalista Russo. Tra le sue influenze, osserva Joseph Brean (2014) del National Post, ci sono filosofi del destino Russo come Vladimir Solovyov, Ivan Ilyin e Nikolai Berdyaev. Putin ha esposto le sue convinzioni quando ha detto a Douma sulla sua nomina a primo ministro nel 1999: “La Russia è stata una grande potenza per secoli, e rimane tale. Ha sempre avuto e ha ancora legittime zone di interesse …. Non dovremmo abbassare la guardia in questo senso, né dovremmo permettere che la nostra opinione venga ignorata”.

Putin ha voluto restituire alla Russia il suo orgoglio nazionale, un’armonica ROSSO/BLU. Per un popolo privato dell’ordine e immerso nel caos per così tanti anni, la ricostruzione della Russia da parte di Putin ha anche portato un certo grado di sicurezza nell’appartenenza per soddisfare le esigenze del vMEME VIOLA.

Il nazionalismo in sé è principalmente guidato da un’armonica dei vMEMES VIOLA e BLU, di solito facilitata da un singolo auto-esaltatore ROSSO/ARANCIONE. Putin ha certamente usato il nazionalismo in questo modo per costruire la propria popolarità.

La diaspora Russa gli ha dato i mezzi per farlo: tutti quei Russi etnici che si sono trovati negli stati separatisti quando l’Unione Sovietica è improvvisamente implosa. Sono stati spesso trattati come cittadini di seconda classe nei loro “nuovi” paesi – e lo sono ancora in posti come la Lettonia e – sorpresa, sorpresa! – l’Ucraina (Damien McGuinness, 2014).

Putin ha fatto notare che la Russia avrebbe perseguito i suoi interessi nazionali e gli interessi dei cittadini Russi – militarmente, se necessario – quando è andato in guerra con la Georgia per l’enclave etnica Russa dell’Ossezia del Sud nel 2008.

Il pensiero di 2° livello e il “paradosso di Putin”

Putin è sempre più messo alla gogna in Occidente come un tiranno egomaniacale stereotipato, totalmente spietato nel perseguire le sue politiche e insensibile al loro costo umano. In alcuni tabloid il tragico abbattimento dell’MH17 gli è stato attribuito quasi come se avesse premuto personalmente – e molto deliberatamente – il pulsante. Vedi l’esempio qui sotto.

Copyright © 2014 News Group Giornali

Ci sono, naturalmente, una serie di errori in tale caricatura.

In primo luogo, Putin è un operatore piuttosto intelligente. Così intelligente che sembra che potrebbe essere in grado di ciò che Spiral Dynamics definisce “pensiero di 2° livello”. Sia Graves che Maslow hanno tracciato una netta distinzione tra il pensiero di carenza (Maslow) o di sussistenza (Graves) e i livelli di pensiero “essere”. Entrambi i ricercatori hanno attribuito una maggiore complessità nel pensare mentre si sale la Spirale/Gerarchia, con Graves che ha scoperto che il GIALLO aveva quattro volte la capacità di risoluzione dei problemi del VERDE.

Putin ha dimostrato quello che potrebbe essere il pensiero di 2° livello nel suo approccio al Medio Oriente e alla cosiddetta “Primavera Araba”. Piuttosto che unirsi alla corsa occidentale per sostenere le rivoluzioni presumibilmente “democratiche”, Putin si è trattenuto, osservando. Semmai – e certamente in Siria – tendeva a sostenere lo status quo. Mentre l’orribile Stato Islamico fondamentalista viene scavato dai resti dell’Iraq e della Siria, l’Egitto è tornato nelle mani di un regime militare repressivo e la Libia vacilla sull’orlo di una seconda guerra civile. E l’Occidente esita su cosa fare al riguardo, la moderazione di Putin sembra molto più la strategia migliore. Un pensatore di 2° livello, soppesando tutte le forze concorrenti che agiscono sui giocatori delle varie “rivoluzioni”, avrebbe potuto discernere che la “Democrazia” era un ideale da afferrare ma non realmente radicato in popoli il cui pensiero era tribale (VIOLA) e che erano abituati al dominio autocratico (ROSSO) come funziona il potere.

La scorsa estate Putin ha dimostrato un pensiero particolarmente sofisticato nel modo in cui ha salvato Barrack Obama dalla sua famigerata debacle della “Linea Rossa” sull’uso di armi chimiche da parte delle forze governative Siriane. Mentre il governo di Obama esitava dolorosamente sull’opportunità di lanciare quello che probabilmente sarebbe stato un attacco missilistico inefficace, Putin ha salvato la faccia di Obama usando la sua influenza con Bashar al-Assad per spingere il suo governo a consegnare le loro scorte chimiche alle Nazioni Unite.

L’acquisizione della Crimea praticamente incruenta è stata così magistrale che potrebbe essere considerata un altro esempio di pensiero di 2° livello. Il veterano redattore della BBC per gli affari mondiali John Simpson è rimasto così colpito che l’ha descritta come “L’invasione più fluida dei tempi moderni. Era finita prima che il mondo esterno si rendesse conto che era iniziata”.

Il paradosso arriva quindi: se Putin è un pensatore di 2° livello – e questo è “se” – e può dimostrare un pensiero così complesso in questioni internazionali, come può aver permesso alla corruzione e alla restrizione della burocrazia di aver così re-infettato il governo e le imprese Russe?

Molti con una comprensione limitata a Spiral Dynamics lottano con questo paradosso poiché il pensiero di 2° livello è così spesso considerato benefico.  Tuttavia, le poche prove del pensiero di 2° livello disponibili non supportano questa ipotesi in modo inequivocabile. Inoltre, come il co-sviluppatore Don Beck ha sottolineato numerose volte, il modello riguarda i sistemi all’interno delle persone, non i tipi di persone, e quei sistemi funzionano in relazione alle condizioni di vita vissute.

Beck & Cowan (1996) usano il concetto di “vMEME stack” per illustrare come diversi vMEMES fluiranno e rifluiranno in relazione alle mutevoli Condizioni di Vita.

L’illustrazione a sinistra mostra come la dominanza vMEME può cambiare in un individuo anche di ora in ora, al variare delle condizioni di vita. Come un equalizzatore grafico audio, la forza di ogni vMEME aumenta e diminuisce in base all’input ricevuto. (L’analogia dell’equalizzatore grafico mi è stata data da Steve Gorton di Enabling Development per il mio libro del 2006, Knowing Me, Knowing You.)

Pertanto, è perfettamente possibile che all’inizio della sua leadership Putin abbia affrontato i problemi interni della Russia da una meta-prospettiva di 2° livello, vedendo la necessità di frenare l’indulgenza ROSSA e rafforzare le sane discipline BLU per facilitare l’emergere dell’ARANCIONE. Più tardi, poiché le condizioni di vita gli hanno offerto l’opportunità di un esaltamento personale, ciò avrà fatto appello al suo ROSSO e forse, con l’economia Russa ragionevolmente stabile, gli ha permesso di concentrarsi sulle sue opportunità personali, anche a parziale scapito del suo paese.

Ciò sarà particolarmente vero se Putin è in alto nella dimensione temperamentale dello psicoticismo, secondo il modello psicoticismo-estroversione-nevroticismo di Hans Eysenck (Eysenck, 1967; Eysenck & Eysenck, 1976). Mentre la relazione tra temperamento e motivazione è relativamente inesplorata, ci sono alcune prove, ad esempio: N N Trauel, 1961; Rice, 2006— quel temperamento può influenzare i vMEMES inferiori.

I profili di Putin – come quelli di Kassica e Oliver Bullough (2014) – indicano certamente, con la spietata e pura fisicità di Putin, dimostrazioni di “machoness” e un “occhio per le donne” che potrebbe essere alto nello psicoticismo. Se è così, quindi, poiché lo psicoticismo sembra facilitare in particolare il Vmeme ROSSO, allora Putin sperimenterà sempre un naturale auto-orientamento anche se, quando pensa in 2° livello, sa che è necessario un altro approccio.

Il nazionalismo e il Meme del “dittatore”

Sulla scia della Crimea, Julie Ray e Neli Esipova di Gallup hanno riferito che Putin aveva ottenuto l’83% di approvazione, un enorme guadagno dal 54% dell’anno precedente. Chiaramente l’acquisizione della Crimea ha fatto sentire bene i Russi con il loro presidente!

Sondaggio grafico copyright © 2014 Gallup Inc

Interessante è anche il modo in cui l’approvazione è scesa lentamente ma inesorabilmente dall’83% nel 2008 al suo punto più basso nel 2013. Questa caduta è stata un riflesso della crescente consapevolezza pubblica della corruzione, del rallentamento della crescita economica, delle limitate opportunità di avanzamento personale e della povertà diffusa? Se è così, indica che i Russi danno la colpa al loro presidente.

Dalla stessa serie di sondaggi, Ray & Esipova – vedi grafico sotto – hanno scoperto che i Russi hanno riferito una maggiore fiducia nelle loro istituzioni dopo la Crimea.

Sondaggio grafico copyright © 2014 Gallup Inc

Ancora una volta c’è un alto livello di fiducia nel 2008 per il governo nazionale e il processo elettorale, seguito da un calo di fiducia negli anni successivi. Solo i militari si oppongono a questa tendenza alla fiducia. Tuttavia, tutti e tre gli istituti ricevono un impulso significativo nel 2014.

Ciò che è molto più interessante della seconda serie di risultati è che ci permette di vedere che tutte le istituzioni hanno ricevuto una spinta nel 2008, l’anno della guerra con la Georgia. Forse Putin è abbastanza intelligente – il pensiero di 2° livello? – da rendersi conto che infettare la popolazione più ampia con il vMeme del nazionalismo difendendo i Russi etnici al di fuori della madrepatria, fino al punto di un intervento militare (riuscito) ed essere pronti a sfidare i critici occidentali, devia dalle controversie interne e aumenta la fiducia in lui e nel suo governo.

Se è così, non sarà il primo politico a beneficiare di una guerra patriottica di successo. Margaret Thatcher è passata dall’essere il primo ministro più impopolare del Regno Unito del 20° secolo a una schiacciante vittoria elettorale sul retro della guerra delle Falkland nel 1982.

Il problema per Putin potrebbe essere che la Crimea ha permesso alla “bestia” del nazionalismo Russo di sfuggire al guinzaglio. Il giorno dopo il referendum in Crimea Oliver Laughland del Guardian, Conal Urquhart e Alan Yuhas hanno riferito che i nazionalisti Russi attraversavano il confine a Donetsk e in altre città orientali per scuotere le loro considerevoli popolazioni etniche Russe. Ora sappiamo che Igor Strelkov, ex ufficiale dell’intelligence Russa e ora comandante generale delle forze filo-russe in Ucraina, era uno di loro.

Quello che è successo in Ucraina da marzo non assomiglia affatto al pensiero di 2° livello. Piuttosto, è un pasticcio sanguinoso, nato da demagoghi guidati dal ROSSO che sfruttano il nazionalismo VIOLA/BLU. Manca il tocco sicuro di Putin negli affari internazionali … il che, a sua volta, suggerisce che il pensiero di 2° livello è sfuggito a Putin in questo contesto o che non ha il controllo assoluto della Russia … il che, a sua volta, suggerisce che non è il tiranno egomaniacale che i media occidentali lo hanno ritratto.

Un secondo problema con il modo in cui Putin e la Russia sono riportati in Occidente è che il pigro giornalismo occidentale si è accontentato di ritrarre Putin come un dittatore per anni – questo stereotipo è opportuno ogni volta che la Russia è in contrasto con l’Occidente. Di conseguenza, la politica interna Russa è cronicamente sottostimata in Occidente. La mancanza di pensiero sofisticato tra i leader occidentali significa che troppo spesso sembrano infettati Memeticamente dallo stereotipo dei media, piuttosto che lavorare per decifrare le informazioni che si spera vengano raccolte dalle loro agenzie di intelligence su ciò che sta realmente accadendo nella politica interna Russa.

Come la maggior parte dei governanti, infatti, Putin ha consiglieri che scherzano tra loro e competono per l’influenza. E poiché la Russia è almeno una finta democrazia, molti di quei consiglieri concorrenti hanno una genuina influenza indipendente nel Douma e persino nelle loro stesse basi elettorali. Altri occupano posizioni di alto livello nel servizio civile e nell’esercito. Altri ancora sono filosofi e ideologi politici che pubblicano le loro opinioni su tutti i tipi di media sociali e formali con poca o nessuna moderazione, ma sono spesso in grado di attingere e amplificare il sentimento popolare.

Dalla parte delle “colombe”, Putin ha Dmitry Medvedev. La loro vicinanza è stata dimostrata nel 2008-2012 quando, per rispettare la costituzione che inibisce un terzo mandato consecutivo, Medvedev si è sottomesso a presidente mentre il “primo ministro” Putin ha continuato a tirare le fila dietro la facciata. Secondo il blogger Pietro A Shakarian, Medvedev si è opposto all’intervento russo in Crimea ed è stato determinante nel consigliare Putin contro l’intervento militare nell’Ucraina orientale.

Dalla parte dei “falchi”, ci sono scrittori ultra-nazionalisti come Aleksandr Dugin e Aleksandr Prokhanov e politici come Dmitry Rogozin. Alcuni di questi hanno schernito pubblicamente Putin per codardia, per non essere intervenuto militarmente nell’Ucraina orientale, riferisce Vladimir Isachenkov dell’Associated Press. Alla fine di giugno il consigliere economico di Putin, Sergei Glazyev, ha superato una serie di dichiarazioni bellicose con la proposta di inviare jet militari Russi per proteggere i ribelli nell’Ucraina orientale dai raid aerei del governo. Il Cremlino ha sconfessato le sue parole, dicendo che Glazyev stava esprimendo la sua opinione privata.

Quanto Putin sostenga filosoficamente i ribelli Ucraini potremmo non imparare mai ma, una volta eliminata la caricatura del tiranno assoluto, è chiaro che Putin è sotto pressione da più parti e che non ha il controllo totale. Pertanto, è più che probabile che simpatizzanti ed ex colleghi dell’esercito Russo stiano consentendo a Strelkov di accedere a tecnologie vecchie ma ancora formidabili come i carri armati T-64 e i missili BUK SA-11, uno dei quali si presume abbia abbattuto l’MH17.

Quanto Putin ne sia consapevole e quanto sia a favore o contro di esso è un punto controverso; ma l’attuale mancata segnalazione di aerei governativi abbattuti dai missili ribelli indica che la fornitura potrebbe essere stata interrotta.

L’Occidente e il consenso sui falsi Valori

I leader occidentali devono rendersi conto che Putin non è un dittatore assoluto, ma deve bilanciare tutti i tipi di pressioni su di lui. Proprio come fanno loro… ma, attraverso la storia e i Valori, alcune di queste pressioni sono molto diverse.

Negli 11 anni dal 1999 al 2009, la NATO ha ampliato l’Est per incorporare un certo numero di ex partner del Patto di Varsavia dell’ex Unione Sovietica, alla fine anche gli Stati Baltici, una volta parte integrante dell’Unione Sovietica. Che Gorbaciov sia stato ingannato sulla Germania o meno, questa espansione fornisce una sfida in-your-face al nazionalista Putin che ha dichiarato: “La Russia è stata una grande potenza per secoli, e rimane tale. Ha sempre avuto e ha tuttora legittime zone di interesse…”

Qualche leader occidentale ha il pensiero sofisticato di riflettere su come l’espansione della NATO si svolge per l’elettorato di Putin – e in particolare per i nazionalisti …?

Tenere l’Ucraina fuori dalle mani della NATO e dell’Unione Europea, quindi, è vitale se il discorso di Putin sulle “zone di interesse” della Russia deve avere una qualche credibilità in Europa – e con i suoi stessi nazionalisti in patria. L’insensibilità dei leader occidentali alle esigenze del leader russo è esemplificata dagli accordi di partenariato di giugno che l’UE ha firmato con Ucraina, Georgia e Moldavia, tutti un tempo parte integrante dell’Unione Sovietica. Qualunque cosa pensi del pasticcio che Strelkov e i ribelli stanno facendo, Putin semplicemente non può permettersi di lasciare andare facilmente l’Ucraina.

Fa parte dell’effetto assimilazione-contrasto, sviluppato da Don Beck (2003) dal lavoro di Mazafer Sherif (Muzafer Sherif & Carl Hovland, 1961; Muzafer Sherif & Carolyn Wood Sherif, 1968) che, quando si verificano differenze, il vMEME ROSSO allontana l’altra parte esagerando le differenze (contrastando) mentre l’ARANCIONE e il VERDE avvicinano l’altra parte minimizzando le differenze (assimilando). Vedi il grafico qui sotto.

(L-1 Conciliatori, L-2 Pragmatisti, L-3 Moderatori, L-4 Ideologi, L-5 Fanatici, L-6 Lanciafamme)

Copyright © 2003 Don Edward Beck

Così, quando la Russia sembrò abbracciare il capitalismo a metà degli anni 1990 e si unì al G8 nel 1998, la Russia era ora percepita da ARANCIONE e VERDE dominava i leader occidentali come “uno di noi” – l’effetto falso consenso. Quando i nazionalisti Russi VIOLA/BLU, guidati da demagoghi guidati dal loro ROSSO, hanno infranto le regole BLU del diritto internazionale hanno sequestrato la Crimea e poi si sono agitati violentemente per la secessione nell’Ucraina orientale, i leader occidentali sono scesi nella Spirale/Gerarchia in vero stile Maslowiano per esagerare le loro differenze con il “dittatore Putin” e ritrarre lui e la Russia come difettosi.

In effetti, sembra che Putin non abbia mai veramente abbracciato i Valori della democrazia liberale ARANCIONE/VERDE che hanno sempre più dominato la mentalità di molti leader occidentali negli ultimi 40 anni. Come scrive Fareed Zakaria (p36) di The Independent on Sunday: “Gli elementi cruciali del Putinismo sono il nazionalismo, la religione, il conservatorismo sociale, il capitalismo di stato e il dominio del governo sui media. Sono tutti diversi e ostili ai valori occidentali dei diritti individuali, della tolleranza, del cosmopolitismo e dell’internazionalismo”.

Ignorando gli effetti e i livelli di corruzione, Zakaria descrive la Russia che Putin e i suoi governi hanno sviluppato dopo il 2008. Ci si può chiedere se l’aumento di popolarità che il governo ha guadagnato dalla guerra Georgiana abbia dato a Putin e ai suoi primi ministri la fiducia per rallentare la tendenza verso il capitalismo in stile occidentale e reintrodurre alcuni aspetti del sistema Sovietico … ma questo esula dallo scopo immediato di questo articolo.

Zakaria quasi certamente esagera l’ostilità tra l’approccio Socioeconomico di Putin e quello delle democrazie liberali occidentali… ma mostra l’effetto assimilante dell’ARANCIONE/VERDE di quello che è stato in realtà più un approccio BLU/ ARANCIONE. Viktor Orban, primo ministro dell’Ungheria, membro dell’UE e ammiratore di Putin, ora definisce questo approccio “democrazia illiberale”. La denominazione di Orban dell’approccio gli conferisce una lucentezza di credibilità filosofica che richiede che sia indagato e classificato dalle scienze sociali. E questo probabilmente porterà a un effetto più contrastante con le democrazie liberali.

Gestire le differenze

I leader occidentali devono acquisire la comprensione offerta da strumenti come Spiral Dynamics in modo che possano comprendere e gestire la differenza.

Devono capire non solo che non tutti i governi sostengono i loro Valori, ma che i valori dell’altra cultura possono, in effetti, essere appropriati per loro. Allora dovrebbero essere in grado di accettare che la democrazia per tutti è un etico imposto e l’emic del governo tribale è appropriato per paesi come l’Iraq e l’Afghanistan dove il VIOLA e il ROSSO sono i vMEMES culturali dominanti.

Se George W. Bush e Tony Blair avessero impiegato tale comprensione nel 2001 e nel 2003, l’Iraq e l’Afghanistan potrebbero non essersi trasformati nelle catastrofi che consumano la vita che sono diventate.

Se i leader occidentali di oggi avessero avuto tali intese, l’UE non avrebbe mai stipulato accordi di partenariato con Ucraina, Georgia e Moldavia. Un secondo referendum si terrebbe in Crimea sotto la supervisione delle Nazioni Unite per confermare quasi certamente il referendum di marzo e legittimare così l’annessione Russa. Per quanto riguarda l’Ucraina, diventerebbe uno Stato neutrale nel modo in cui la Svizzera è assertivamente neutrale e i diritti dei Russi etnici in Ucraina sarebbero costituzionalmente protetti.

Putin il nazionalista deve frenare gli ultranazionalisti. Per fare ciò, il suo approccio più moderato deve essere visto a livello nazionale come funzionante e deve sia migliorare la sua reputazione personale che aumentare la sua base di potere. Su base Maslowiana, se Putin è in grado di pensare al 2° livello ma le condizioni di vita stanno attivando il suo ROSSO e vogliamo che pensi al 2° livello, allora dobbiamo aiutarlo a risolvere i problemi di potere in modo che le sue energie mentali possano concentrarsi al 2° livello. Questo lo faciliterà nell’isolare gli Ultras.

In una certa misura il dispiacere occidentale per le aspirazioni nazionaliste della Russia e le sanzioni dell’Unione Europea sono state utili in quanto la fuga di capitali è stata enorme e un certo numero di connessioni di Putin nell’élite sono state congelate le loro risorse in Occidente. Questo è irritante per l’élite a breve termine e seriamente minaccioso per la loro ricchezza a lungo termine, con il risultato che è probabile che facciano pressione su Putin per “normalizzare” le relazioni con l’Occidente prima piuttosto che dopo. Tuttavia, poiché gli effetti delle sanzioni, ecc., Si fanno sentire di più nella popolazione generale, i risultati sono probabilmente controproducenti in quanto l’armonica dei vMEME VIOLA/BLU del nazionalismo è probabile che li raduni alla causa e le persone si conformino al vecchio meme di essere vittime dell’aggressione occidentale.

Più utile a Putin nel regnare negli ultranazionalisti sarebbe la collaborazione occidentale nell’affrontare la questione della diaspora Russa. Senza che questo venga affrontato, il nazionalismo Russo avrà sempre una causa.

Tale era il sentimento antiRusso in quei paesi che si staccarono dalla fatiscente Unione Sovietica nel 1991 che ai Russi etnici – definiti “occupanti” da alcuni – non fu automaticamente concessa la cittadinanza dei paesi appena indipendenti anche se erano nati lì. Molti di coloro che lavoravano nel settore pubblico hanno perso il lavoro e sono stati discriminati in altri modi. In Lettonia, ad esempio, anche ora i Russi etnici non possono votare o lavorare nel settore pubblico a meno che non superino un test di cittadinanza. Ciò richiede loro di essere fluenti nella lingua Lettone e dimostrare la conoscenza della cultura Lettone. Molti dei Russi etnici più anziani non parlano lettone e quindi non hanno potuto superare il test di cittadinanza. Altri, secondo Damien McGuiness della BBC, si rifiutano di sostenere il test per principio perché discrimina chiaramente il loro patrimonio.

Eppure, gli Stati Baltici – Lettonia, Estonia e Lituania – sono tutti membri della NATO! Sono anche membri di quell’ultimo sostenitore dei “diritti umani”, l’Unione Europea! Dov’era il VERDE dell’Occidente, ci si potrebbe chiedere, quando sono stati firmati paesi che discriminavano apertamente i Russi etnici nati sul loro territorio da genitori di etnia Russa che semplicemente vivevano nel paese quando si separò dai resti dell’Unione Sovietica?

La NATO e l’UE che collaborano con il governo Russo per garantire che ai Russi etnici nei paesi separatisti siano garantiti uguali diritti costituzionalmente minerebbe gli ultra-nazionalisti mostrando che la diplomazia e la cooperazione funzionano meglio negli interessi dei russi etnici rispetto alla violenza secessionista.

La NATO e l’UE devono riconoscere e rispettare gli interessi tradizionali della Russia nell’Europa orientale e incoraggiare paesi come l’Ucraina e la Moldavia ad adottare una neutralità in stile Svizzero. Ciò non deve precludere alcuni accordi commerciali, ma impedirebbe loro di essere visti in un campo o nell’altro. Rimuovi la minaccia di invasione e gli ultra-nazionalisti perdono un’altra causa.

Un principio chiave sia in Maslow che in Graves, Spiral Dynamics, è che i bisogni che sono “sentiti” devono essere affrontati. I Russi hanno bisogno di sentirsi bene con il loro paese e con il suo posto nel mondo; e hanno bisogno di sentirsi bene con il loro presidente e il loro governo. Più l’Occidente può aiutare la Russia ad affrontare questi bisogni nel rispetto delle differenze di cultura e tradizione, più è probabile che Putin e la Russia siano partner cooperativi.

Va anche detto che la cooperazione occidentale con la Russia deve provenire da una posizione di forza, non di debolezza. Il tipo di esitazione in cui Obama indulge o il tipo di roboante nome che David Cameron ha usato serve solo a convincere gli ultranazionalisti che le minacce dell’Occidente sono vuote e le loro sanzioni possono essere eliminate – indebolendo così la posizione di Putin come nazionalista moderato.

Putin si è dimostrato capace di pensare in modo complesso e di essere un degno partner dell’Occidente, a condizione che i leader occidentali possano andare oltre l’etica imposta del capitalismo e della democrazia e accettare che la Russia abbia valori diversi.

I leader occidentali hanno un disperato bisogno di aumentare la complessità del loro pensiero in modo che possano vedere ciò di cui Putin ha bisogno e poi dargli un minimo di sostegno.

di Keith E. Rice. Published in Eugene Pustoshkin’s Eros & Kosmos e-zine, August 2014, tradotto da Stephanie Vella, Marzo 2022.

Referenze

Aslund, Anders (2008): ‘An Assessment of Putin’s Economic Policy’ (Peterson Institute for International Economics) http://www.iie.com/publications/papers/paper.cfm?ResearchID=974 (Accesso: 06/08/14)

Beck, Don (2003): ‘Assimilation/Contrast Effect: The Dynamics of Polarisation, Social Conflict and Systemic Peace-Making’ (materiali di presentazione, Spiral Dynamics Integral, Denton TX)

Beck, Don & Chris Cowan (1996): Spiral Dynamics: Mastering Change, Values and Leadership (Blackwell, Cambridge MA)

Berry, John (1969): ‘On Cross-Cultural Comparability’ in International Journal of Psychology #4

Brean, Joseph (2014): ‘Vladimir Putin’s Heroes: Russian President motivat by Writers’ Messianic View of Country’s Destiny’ (National Post) http://news.nationalpost.com/2014/03/21/putins-heroes/ (Accesso: 06/08/14)

Bullough, Oliver (2014): ‘Vladimir Putin: the Rebuilding of “Soviet” Russia’ (BBC News) http://www.bbc.co.uk/news/magazine-26769481 (Accesso: 31/03/14)

Dalziel, Stephen (2011): “La Russia deve incoraggiare le PMI” sul Daily Telegraph (6 dicembre)

Eysenck, Hans J (1967): ‘La base biologica della personalità’ (Charles C Thomas, Springfield IL)

Eysenck, Hans J & Sybil B G Eysenck (1976): ‘Psicoticismo come dimensione della personalità’ (Charles C Thomas, Springfield IL)

Freud, Sigmund (1923; tradotto da Joan Riviere, 1927), ‘The Ego & the Id’ (Hogarth Press/Institute of Psycho-Analysis, Londra)

Gall, Carlotta & Thomas de Waal (1997): ‘Cecenia: una piccola guerra vittoriosa’ (Pan, Londra)

Gertz, Bill (2014): ‘Putin Corruption Network Revealed’ (The Washington Free Beacon) http://freebeacon.com/national-security/putin-corruption-network-revealed/ (Accesso: 06/08/14)

Granville, Johanna (2000): “Dopo il Kosovo: l’impatto dell’allargamento della NATO sui partiti politici russi” in Demokratizatsiya 8/1

Graves, Clare W (1970): ‘Levels of Existence: an Open System Theory of Values’ in Journal of Humanistic Psychology 10/2

Graves, Clare W (1971; trascritto da William R Lee, 2002): ‘Levels of Human Existence’ (ECLET, Santa Barbara CA)

Isachenkov, Vladimir (2014): ‘Putin sotto pressione mentre i combattimenti infuriano in Ucraina’ (Associated Press) http://bigstory.ap.org/article/putin-under-pressure-fighting-rages-ukraine (Accesso: 21/07/14)

Kasica, Stephen Wayne (2014): ‘Putin lancia Fitness For Russians: funds Program with Olympics Cash’ (Esterno) http://www.outsideonline.com/news-from-the-field/Putin-restarts-gto-soviet-fitness-program.html (Accesso: 01/04/14)

Laughland, Oliver, Conal Urquhart & Alan Yuhas (2014): ‘Referendum in Crimea: i primi risultati indicano ‘Frana’ per la Secessione, come è successo’ (The Guardian) http://www.theguardian.com/world/2014/mar/16/crimea-referendum-polls-open-live (Accesso: 01/04/14)

Maslow, Abraham (1971): ‘The Further Reaches of Human Nature’ (Viking Press, New York NY)

McGuiness, Damien (2014): ‘Crimea Crisis sharpens Latvia Ethnic Tensions’ (BBC News) http://www.bbc.co.uk/news/world-africa-26720549 (Accesso: 31/03/14)

Ray, Julie & Neli Esipova (2014): ‘Russian Approval of Putin Soars to Highest Level in Years’ (Gallup) http://www.gallup.com/poll/173597/russian-approval-putin-soars-highest-level-years.aspx (Accesso: 21/07/14)

Rice, Keith E (2006): ‘Knowing Me, Knowing You: an Integrated SocioPsychology Guide to Personal Fulfilment & Better Relationships’ (Trafford, Victoria BC)

Ross, Lee, D Greene & P House (1977): “The False Consensus Effect: an Egocentric Bias in Social Perception and Attribution Processes” in Journal of Experimental Social Psychology 13/3

Shakarian, Pietro A (2014): ‘Putin and Poroshenko: a Tale of Two Presidents’ (Reconsidering Russia & the Former Soviet Union) http://reconsideringrussia.org/2014/06/19/putin-and-poroshenko-a-tale-of-two-presidents/ (Accesso: 21/07/14)

Sherif, Muzafer & Carl Hovland (1961): Social Judgement: Assimilation and Contrast effects in Communication and Attitude Change (Yale University Press, New Haven CT)

Sherif, Muzafer & Carolyn Wood Sherif (1968): ‘Attitude as the Individuals’ Own Categories: the Social Judgement-Involvement approach to Attitude and Attitude Change’ in Muzafer Sherif & Carollyn Wood Sherif (eds): Attitude, Ego-Involvement and Change (John Wiley & Sons, New York NY)

Simpson, John (2014): “Il piano russo sulla Crimea dettagliato, segreto e di successo” (BBC News) http://www.bbc.co.uk/news/world-europe-26644082 (accesso 26/03/14)

Trauel, N N (1961): ‘The Effects of Perceptual Isolation on Introverts and Extraverts’ (tesi di dottorato inedita, Washington State University)

Zakira, Fareed (2014): ‘Putinismo: un nuovo credo per i duri d’Europa’ in The Independent di domenica (3 agosto)

Informazioni sull’autore

Keith E. Rice, “Sociopsicologo”, è l’autore dell’acclamato libro del 2006 Knowing Me, Knowing You: an Integrated SocioPsychology Guide to Personal Fulfilment & Better Relationships. La sua missione nella vita è quella di allineare e integrare le scienze comportamentali intorno a Spiral Dynamics e un insieme di modelli e teorie correlati. La “SocioPsicologia Integrata” che lui (e altri) stanno lavorando per sviluppare ha lo scopo di fornire strumenti pratici e utili per migliorare tutti i tipi di situazioni, dai problemi di autostima e relazioni personali ai principali conflitti geopolitici.

www.integratedsociopsychology.net

Traduzione in Italiano a cura di Stephanìe Vella, Spiral Dynamics Practitioner a nome di www.cambiamondo.com

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.