F W De Klerk e Don Beck a Oslo – foto copyright © 2011 Elza Maalouf/usata con il gentile permesso di Said E Dawlabani

Ogni partecipante alla progettazione della transizione sudafricana dall’apartheid alla democrazia multiculturale durante i primi anni 1990 avrà la sua versione di ciò che è accaduto – e non sempre i politici danno troppo credito agli “operatori dietro le quinte”! Ciò che è fuori dubbio è che Don Beck è stato coinvolto e ha utilizzato il  modello Spiral Dynamics (Don Beck & Chris Cowan, 1996) sviluppato dalla ricerca di Clare W Graves (1970) per sostituire le categorie “pigmentazione cutanea” e “origine etnica” con una comprensione dei sistemi di valori (vMEMES) e dei modi di pensare universalmente accessibili alla razza umana.

Beck (Don Beck et al, 2018) ricorda:

“… quando lavoravo pacificamente per smantellare l’apartheid in Sudafrica… Ho usato la neutralità dei colori per sfuggire alla profilazione razziale. Volevo che i leader che lavoravano per soluzioni pacifiche all’apartheid fossero consapevoli dei diversi codici esistenti nelle persone, anche della stessa razza. Solo allora avremmo potuto avere un quadro realistico di ciò che stava accadendo.”

“Gli Zulu tendevano ad essere stereotipati come un gruppo etnico tribale. Eppure milioni di Zulu vivevano in contesti urbani sudafricani con valori urbani occidentalizzati. L’Afrikaner di origine europea era stereotipato come un agricoltore altamente tradizionale e religioso, operando da un valore basato sulla “sola vera via”. Quel codice, tuttavia, potrebbe essersi trasformato in un forte orientamento capitalista del figlio urbanizzato. Gli Zulu e gli Afrikaner urbanizzati potrebbero avere più in comune tra loro dei loro padri.”

Questo uso di un codice colore per descrivere diversi sistemi di pensiero ha fornito un nuovo linguaggio per comprendere le differenze naturali e anticipare i principali cambiamenti a livello personale e sociale. I “Bianchi” potevano ora vedere le differenze tra i Neri ROSSI e i Neri ARANCIONI; I “Neri” potevano riconoscere che gli Afrikaner del 1988 non erano gli stessi degli Afrikaner del 1948. Tutti i gruppi potevano riconoscere quella che Beck chiama la “dinamica evolutiva” che era all’opera in tutti i Sudafricani.

Quanto Beck sia stato influente durante la transizione sudafricana si riflette nella seguente trascrizione dal resoconto ufficiale dei dibattiti del Parlamento (Hansard, pagine 342-343) di giovedì 7 febbraio 1991.  Il dottor F Hartzenberg, uno dei leader del partito conservatore, stava parlando. Stava attaccando F W DeKlerk, leader del National Party e Presidente del Sudafrica…

DR HARTZENBERG: “Il massimo è che il Manifesto dell’On. Presidente è in realtà una versione del consiglio che il dottor Don Beck del Texas ha dato al governo due anni fa. È apparso in una serie di articoli su The Star del 29 aprile 1989. Tutto ciò che è contenuto nel Manifesto è ciò che diceva che avrebbe dovuto essere fatto. Non menzionerò tutto agli onorevoli membri, ma egli parla, tra l’altro, di “costruzione della nazione” e dice che è ciò che l’onorevole Presidente dovrebbe fare e questo è ciò che l’onorevole Presidente sta annunciando ora.”

IL MINISTRO DELLA SANITÀ E DEL WELFARE (Rappresentanti): “lo dice anche Schlemmer!”

DR F HARTZENBERG: “Dice che tutte le leggi discriminatorie devono essere rimosse, e l’onorevole Presidente lo approva. Ha una terza osservazione da fare, oltre agli altri punti che appaiono esattamente nella stessa forma nel Manifesto dell’onorevole Presidente e che sono stati annunciati dall’onorevole Presidente. Dice: Infine, dovrebbe essere sviluppato un ampio modello evolutivo per il cambiamento e ciò richiederebbe incontri al vertice dei leader di tutti i gruppi del paese, Primo Mondo e Terzo Mondo.”

Nel 2015 Beck ha ricordato con umorismo la resistenza e il risentimento per il suo lavoro: “… mentre sono certo di avere avuto un lungo fascicolo di polizia, sono riuscito a stare fuori dai guai…. Sono finito nei guai quando sono stato accusato di essere “l’Anti Cristo” – da un addetto alle risorse umane di Portland Cement – e sono stato avvertito che avrei potuto aver bisogno di protezione della sicurezza. Pensarono persino che l’8° Codice TURCHESE fosse una cospirazione globale che avrebbe conquistato il mondo, e che avrei dovuto essere arrestato. Trovarono il numero 8 nel Libro dell’Apocalisse che significava sventura.”

 

63 visite in Sudafrica

Beck si recò per la prima volta in Sudafrica nel 1981 su invito di Keith van Heerden che lo ascoltò fare un discorso di 20 minuti sul lavoro di Graves in una conferenza a Dallas, in Texas. La prima apparizione di Beck in Sud Africa è stata a una conferenza di 3 giorni ai South African Values Circles a Sun City. Doveva essere il primo di 63 viaggi nel paese. “Ho alloggiato nei posti più economici che sono riuscito a trovare; uno era di 25 Rand a notte. Era praticamente un piccolo capannone dietro il Monte Nelson a Città del Capo. Gli amici mi invitavano a cena. Altre sere sono entrato in un vero e proprio hotel per fare una doccia perché stavo facendo una sorta di corso di avanzamento verso il nero.”

Van Heerden ha poi portato Beck per una consulenza presso la miniera Western Deep Level Shaft che gestiva… e da lì Beck ha continuato a lavorare con Middleburg Steel & Alloy (MS & A), un intervento in acciaio inossidabile nella parte occidentale del paese.

Il Sudafrica in cui Beck entrò era sempre più isolato da gran parte del resto del mondo a causa delle sanzioni stabilite dalle Nazioni Unite che stavano strangolando l’economia. Il paese era sempre più devastato dalla violenza – attacchi da parte dei movimenti di resistenza nera contro i civili bianchi e le “istituzioni bianche”; “operazioni sporche” della polizia contro i movimenti di resistenza; e il conflitto nero su nero tra l’African National Congress e l’Inkatha Freedom Party degli Zulu. Con i pestaggi di routine dei manifestanti da parte della polizia e la regolare “rosa” di sospetti informatori della polizia nelle township nere aggiunte a questo vortice di violenza, uno scivolamento nella guerra civile sembrava quasi inevitabile entro la fine degli anni 1980. Piuttosto che guardare questo accadere, Beck, nelle parole di Rica Viljoen (2018), “credeva che, se il Sudafrica avesse potuto allineare le molteplici intelligenze e doni di ciascun sistema di valori all’interno della Spirale, si sarebbe potuto creare un equilibrio che avrebbe potuto portare a un grande successo per il Sudafrica e avrebbe potuto offrire soluzioni al resto del mondo anche per i loro problemi.”

Attraverso van Heerden, Beck incontrò anche Loraine Laubscher che si sarebbe rivelata un alleato chiave durante il processo in Sud Africa. Laubscher aveva familiarizzato con il lavoro di Graves attraverso Jack Idleman, il medico di sua madre; ed era coinvolta nella stessa miniera di van Heerden. Della conferenza di Sun City, Laubscher (2013) in seguito ha ricordato: “Dopo che Don Beck ci ha esposto a Spiral Dynamics, ci siamo resi conto di quale fosse la differenza tra gli operai delle fabbriche in Giappone e i lavoratori africani nelle miniere e nella produzione sudafricane. Gli operai delle fabbriche giapponesi avevano l’equivalente di un certificato di immatricolazione per le loro categorie di lavoro più elementari, mentre noi in Sud Africa avevamo lavoratori semi-alfabetizzati in molte delle nostre industrie. Avevamo anche meme di pensiero diversi”.

 

Don Beck, Keith van Heerden e Loraine Laubscher tra gli altri salutano una delegazione giapponese (Foto per gentile concessione di Rica Viljoen)

Don Beck, Keith van Heerden e Loraine Laubscher tra gli altri salutano una delegazione giapponese (Foto per gentile concessione di Rica Viljoen)

 

Laubscher e Graves nella sua fattoria (Foto per gentile concessione di Loraine Laubscher)

Laubscher e Graves nella sua fattoria (Foto per gentile concessione di Loraine Laubscher)

Dopo alcune successive visite di Beck in Sud Africa, Laubscher venne negli Stati Uniti per incontrare Graves nella sua fattoria nello stato di New York e per 3 di loro per fare una presentazione congiunta alla World Future Society. Beck e Graves decisero che il Sudafrica avrebbe offerto un’opportunità unica per testare sul campo l’intera teoria dei Livelli dell’Esistenza poiché tutti i Sistemi Valoriali storici erano compressi in quel microcosmo dell’intero pianeta. Hanno quindi creato quella che è stata inizialmente conosciuta come “Evoluzione strategica” come un programma pratico per facilitare la massiccia trasformazione che sarebbe stata necessaria. Durante gli ultimi 5 anni della sua vita, Graves si consultò spesso con Beck per dare conulenza e consigli in molte delle fasi critiche della transizione. Beck inizialmente ha lavorato “pro bono”, usando i risparmi di una vita per finanziare il progetto. (Alcuni viaggi successivi sono stati sponsorizzati.)

Laubscher ha fatto da guida a Beck nelle sue visite – come ha ricordato: “Quando Don è venuto in Sud Africa ero solito andare a prenderlo all’aeroporto. Senza dubbio la sua prima domanda sarebbe stata: ‘Ehi, ragazza, cosa sta succedendo?’ Intendeva ciò che stava accadendo sul fronte politico. Il lavoro originale di Don per il suo dottorato riguardava la polarizzazione risultante nella guerra civile in America. In realtà identificò otto posizioni politiche che erano detenute prima del 1850. Queste posizioni erano divise in due punti di vista politici che rappresentavano i modelli di pensiero del Nord e del Sud. Dal suo interesse per il Sudafrica ha identificato le stesse visioni del mondo. Sentiva che faceva parte della sua missione cercare di prevenire una guerra civile in Sud Africa. Si sforzò di parlare al maggior numero possibile di leader politici in Sudafrica. Dato che ho agito come il suo autista, ho avuto modo di incontrare anche la maggior parte di loro…. Ricordo di aver portato Don a Soweto con Thelma Ncgobo per mostrargli tutte le ramificazioni dell’apartheid. Gli abbiamo mostrato le case di Nelson e Winnie Mandela e Desmond Tutu”.

Oltre a Laubscher e van Heerden, MS&A ha lanciato altri 2 alleati chiave per Beck: John C Hall, amministratore delegato di Middleburg, e il suo direttore di Manpower, Alan Tonkin (in seguito a gestire il sito web Global Values Network). Partendo dalle connessioni di Hall, in un periodo di 16 anni Beck è stato in grado di costruire una rete di contatti e relazioni personali con molti degli influencer del Sud Africa, tra cui (infine) Nelson Mandela e il presidente F W DeKlerk.

Altri alleati chiave includevano Piet Calitz (che era arrivato al lavoro di Graves attraverso la versione “Dolphin” di Dudley Lynch), l’ingegnere Andrew Barker e il giornalista Graham Linscott che aveva coperto 11 paesi africani. Le sue esperienze includono la copertura delle guerre rivoluzionarie in Angola, Mozambico e Zimbabwe, nonché diversi anni nella Sala Stampa del Parlamento sudafricano.

Con questi partner, Beck ha usato l’approccio Gravesiano per tracciare diversi possibili futuri per il Sudafrica e ha previsto, insieme ad altri, la crisi dell’HIV/AIDS, il tasso di criminalità fuori controllo, gli alti livelli di corruzione e altre manifestazioni di contorno del sistema di valori (vMEMETIC) in quella società.

Laubscher ricorda l’influenza che ebbe il piccolo gruppo di pionieri sociopiscologici: “Mandela, Sisulu, Treurnicht, de Klerk e varie altre persone al governo quando P W Botha era ancora al potere; prima che de Klerk entrasse in scena. Mi sono seduto in Parlamento così tante volte. Ho ascoltato e ho osservato. È stato così soddisfacente vedere le persone che abbiamo addestrato a comprendere diversi sistemi di valori mostrare le loro capacità nell’arena politica. Rolf Meyer, Wynand Malan, Leon Wessels e Cyril Ramaphosa erano stati tutti esposti al pensiero Gravesiano.

In parte sotto l’influenza di Beck, Hall è stato presidente del Comitato Nazionale per la Pace, 1991-1993.

 

La spinta al Cambiamento

Beck è apparso spesso in talk show televisivi come il popolare Good Morning South Africa su SABC-TV ed è stato un ospite frequente su Radio 702 e altri canali radiofonici. Ha tenuto conferenze presso istituzioni accademiche, davanti alle varie società mediche e scientifiche e persino alla leadership della Chiesa riformata olandese.  Uno dei primi passi in avanti è stata un’intervista con James Clarke di The Star, un commentatore chiave sulla crescente crisi dei disordini sulle rivolte delle minoranze. Condotta durante il pranzo al Braamfontein Hotel (Clarke, 2016), l’intervista – in parte riprodotta di seguito – ha esposto le basi della teoria di Graves in termini facili da capire e l’inevitabile rivoluzione sociale che Beck ha definito il “Terzo Trekking Afrikaner”.

Intervista di James Clarke a Beck in The Star (Courtesy Elza Maalouf)

Intervista di James Clarke a Beck in The Star (Courtesy Elza Maalouf)

Soprattutto, la serie di 6 articoli che Beck & Lincscott avevano pubblicato su tutti i giornali sudafricani nell’aprile 1989 influenzarono la liberazione di Mandela e l’inizio del processo di pace.

Uno degli articoli che Beck ha scritto con il giornalista Graham Linscott (Courtesy Loraine Laubscher)

Uno degli articoli che Beck ha scritto con il giornalista Graham Linscott (Courtesy Loraine Laubscher)

 

Mentre era in prigione Mandela aveva letto del lavoro di Beck e quindi era ricettivo al suo approccio, incontrando lui e Laubscher subito dopo il suo rilascio. Beck ha lavorato con i team di Mandela, DeKlerk e Mangasuto Buthulezi di Inkatha nel promuovere l’iniziativa di pace e nel progettare i sistemi e le strutture economiche, politiche ed educative post-apartheid. Beck ha trascorso molto tempo con Buthulezi, discutendo di argomenti come l’immigrazione illegale e la sostenibilità della nazione Zulu. Di conseguenza, gli fu dato un nome Zulu onorario, Amizi Muthi – “quello con la medicina forte”.

Beck e altri delle associazioni Value Engineering e Value Management hanno utilizzato il Botswanan Kgotla, un processo tribale per creare un ambiente sicuro in cui le persone potessero esprimere le loro opinioni e i leader potessero quindi utilizzare tali informazioni come base per il loro processo decisionale. (L’equivalente occidentale più vicino è probabilmente  La tecnica  Open Space di Harrison Owen). Il loro “Natal/KwaZulu Indaba” è stato uno dei primi tentativi di coinvolgere Africani ed Europei nel processo decisionale collettivo.

Se il Kgotla rifletteva un’armonica vMEME VIOLA/VERDE – con possibili accenni di un approccio di 2° Livello – un altro impulso chiave nella spinta al cambiamento era il rafforzamento del vMEME ARANCIONE. Beck e Hall si resero conto che aveva il potere di trasformare elementi della società SudAfricana. Con Alan Tonkin, hanno progettato programmi per trasformare i giovani neri in imprenditori e integrarli nella comunità imprenditoriale.

Elza Maalouf (2014, p179) descrive uno di questi programmi: “L’azienda si è concentrata sulla grande produzione di metalli e aveva poco interesse per i sottoprodotti più piccoli del processo di produzione. Impiegando metodi di ingegneria del valore sperimentati dal Dottor Beck e dai suoi clienti sudafricani, MS & A ha ideato un programma di rottami metallici che ha fornito materie prime per un gruppo di giovani imprenditori neri. Questi giovani uomini fondevano gli scarti di metallo per creare articoli per la casa che vendevano porta a porta nelle città minerarie razzialmente integrate. Quando il vescovo Desmond Tutu ne venne a conoscenza, volle vedere di persona. Scoprire che qui c’erano giovani uomini neri che lavoravano fianco a fianco con uomini bianchi, impegnandosi l’uno con l’altro come pari e partner, mentre il resto del paese stava combattendo sanguinose battaglie – ha portato lacrime agli occhi del vescovo Tutu.

Un momento chiave per l’emergere del nuovo Sudafrica fu la vittoria del paese sui British Lions nella finale della Coppa del Mondo di Rugby 1995. Laubscher ricorda: “Don è stato direttamente coinvolto con gli Springboks del 1995 e il ruolo di Mandela nell’evento … molti hanno contribuito al successo della squadra e al trionfo finale. Tuttavia, un triumvirato si distingue ancora. C’era la presenza ispiratrice del presidente del paese, Nelson Mandela in maglia Springbok, la leadership del capitano, Francois Pienaar e l’astuto coaching di Kitch Christie. Don aveva lavorato a lungo sulla trasformazione organizzativa nelle istituzioni aziendali sudafricane. Aveva anche un interesse per la psicologia dello sport e aveva collaborato con i Dallas Cowboys in Texas. Non posso tacere sul ruolo che Don ha svolto. Credeva veramente nel potere pacificatore dello sport, ed è stato uno dei tanti che ha aiutato la squadra Springbok a passare da un simbolo dell’apartheid all’orgoglio condiviso di una nuova nazione. Ha progettato una strategia per la Coppa del Mondo di rugby e si è riferito ad essa come Six Games to Glory. Ha stabilito l’accumulo psicologico necessario per ogni partita mentre gli Springboks progredivano attraverso le fasi a gironi, i quarti di finale, le semifinali e infine le finali. Ha anche suggerito l’approccio sul campo che era necessario per ogni partita. Raccomandò l’adozione di aspetti come una canzone della folla africana. Il pubblico ha adorato Shosholoza. Ha inoltre suggerito con forza che, se possibile, Nelson Mandela avrebbe dovuto essere persuaso a identificarsi con gli Springboks. Questa idea si è materializzata, e il resto è storia. La Coppa del Mondo di rugby del 1995 è stata pura MAGIA!”

Beck ha detto a Russ Volckmann (2014a): “Mandela era un tale campione. Capì perché aveva bisogno di sostenere il gioco del Rugby bianco che era visto come uno sport razzista dell’apartheid”.

Nel 2019 Monica Bourgeaux (p40) ha scritto: “… quando Beck consigliava Nelson Mandela in Sud Africa, i colori erano utili. Poteva dire a Mandela di fare il suo ‘discorso rosso’ o il suo ‘discorso blu’ a seconda del pubblico, in modo che Mandela condividesse il suo messaggio coerente in un modo che fosse rilevante per ogni gruppo.

 

L’eredità di Beck

Un aneddoto personale… nel giugno 1999 ho avuto una conversazione con un gruppo di studenti sudafricani in visita a Leeds. Con mia sorpresa, non solo sapevano di Don Beck, ma lo consideravano una sorta di “eroe politico”. (Due di loro lo avevano effettivamente visto parlare a un’apparizione universitaria.) Uno di loro mi ha detto che, grazie al lavoro di Beck, la razza sarebbe stata un problema morto in Sud Africa entro 5 anni – e questi studenti provenivano dal Transvaal, un duro ceppo boero afrikaner di una tradizione intrinsecamente razzista!

Race-as-a-dead-issue si è dimostrata un’affermazione irrimediabilmente ottimista, ma i commenti degli studenti danno un assaggio di quanto impatto abbiano avuto le idee di Beck e Clare W Graves in Sud Africa nel 1990.

In un’intervista dell’agosto 1993 a Padraig O’Malley, archiviata sul sito della Nelson Mandela Foundation, Hall, spiega il modello usato da Beck in Sud Africa: “Donald Beck, è il tipo di sociologo americano che lavora in questo paese con le mie aziende da molto tempo e lo rende molto complicato, semplifico tutto – come sapete. Quindi il livello uno è un cacciatore/raccoglitore, il livello due è un collettivista tribale, il livello tre sono le persone che si sono urbanizzate, entrano nelle township, nessun sistema di supporto tribale in modo che sopravvivano da sole e hanno obiettivi di sopravvivenza a brevissimo termine, quindi i giovani sono abbastanza spesso in quella categoria. E il quarto livello è ancora una volta un tipo strettamente calvinista di società strutturata ed è per questo che molto spesso nelle nostre imprese un caposquadra afrikaans va incredibilmente d’accordo con il lavoro migrante. Entrambi provengono da un simile sistema di valori di collettività. E poi si passa al livello cinque, un imprenditoriale, abilità commerciali, truffatori di livello inferiore, uomini d’affari di livello superiore e così via. O è mumbo-jumbo o non lo è, ma per me funziona…. Probabilmente è troppo semplicistico. Dovresti fare una chiacchierata con Don e lui potrebbe farla durare per due ore”.

Il resoconto di Beck dei suoi primi lavori in Sud Africa è dato in “The Crucible: Forging South Africa’s Future”, scritto in collaborazione con Graham Linscott nel 1991. Il libro è stato dedicato a Clare W Graves poiché era morto nell’inverno del 1986 prima che potesse assistere alla prima applicazione su larga scala del suo lavoro seminale.

Dopo l’instaurazione della democrazia multiculturale, Beck è stato elogiato sia dall’attuale presidente Nelson Mandela che dal primo ministro Mangosutu Buthulezi e onorato da una risoluzione congiunta di entrambe le camere del Congresso del Texas. Di seguito è riportato un estratto della risoluzione comune, inizialmente proposta alla Camera dei Rappresentanti:

Di Hunter of Taylor

HR n. 224 74R6013 KMP-D R E S O L U T I O N

  • 1-1 CONSIDERANDO che la Camera dei Rappresentanti del Texas è molto orgogliosa
  • 1-2 nel lodare un texano davvero straordinario, il dottor Don Edward Beck, per
  • 1-3 il suo inestimabile contributo alla creazione pacifica di un
  • 1-4 Sudafrica democratico; e…
  • 2-2 CONSIDERANDO che, nel 1979 questo eccezionale educatore si dimise dal suo
  • 2-3 posizione di ruolo presso l’Università del Nord del Texas per dedicarsi
  • 2-4 pienamente verso la fine dell’apartheid in Sud Africa, una decisione che
  • 2-5 ha ricevuto un forte sostegno e ha richiesto un grande sacrificio da parte sua
  • 2-6 moglie e figli amorevoli; e
  • 2-7 CONSIDERANDO che, durante i successivi 15 anni, il dottor Beck ha lavorato dietro il
  • 2-8 scene con funzionari governativi, leader dei diritti civili, affari
  • 2-9 investitori e proprietari e diplomatici internazionali da sviluppare
  • 2-10 strategie di successo per raggiungere una transizione più pacifica di
  • 2-11 potere in quella nazione travagliata; durante gli ultimi quattro anni di questo
  • 2-12 trasformazione, era l’unico privato cittadino degli Stati Uniti
  • 2-13 Stati direttamente coinvolti nei negoziati ad alto livello che
  • 2-14 alla fine ha portato al rilascio di prigionieri politici e il
  • 2-15 dissoluzione trionfale del regime dell’apartheid; e… Così sia
  • RISOLTO, che la Camera dei Rappresentanti del 74 ° Texas
  • 3-3 Legislatura con la presente elogia il Dr Don Edward Beck per i suoi numerosi
  • 3-4 contributi straordinari per la pace e la comprensione nel Sud
  • 3-5 Africa ed estendere i più calorosi auguri al dottor Beck e alla sua famiglia
  • 3-6 per il successo e la felicità nei loro sforzi futuri; e, sia
  • 3-7 ulteriormente
  • 3-8 RISOLTO, Che una copia ufficiale di questa risoluzione sia
  • 3-9 preparato come espressione di gratitudine e alta considerazione dal Texas
  • 3-10 Camera dei Rappresentanti.

La versione completa della risoluzione del Senato è accessibile qui (per gentile concessione di Don Beck).

Daily News riporta l'onore di Beck da parte del Congresso del Texas (per gentile concessione di Elza Maalouf)

Daily News riporta l’onore di Beck da parte del Congresso del Texas (per gentile concessione di Elza Maalouf)

La qualità delle relazioni che Beck ha sviluppato durante il Sudafrica è forse meglio riassunta da Maalouf (2014, p48) che descrive “un incontro a Oslo in cui Beck e DeKlerk si sono riuniti per conversare come vecchi amici, ancora una volta molto tempo dopo che sono passati eventi significativi della vita”.

F W De Klerk e Don Beck a Oslo – foto copyright © 2011 Elza Maalouf/usata con il gentile permesso di Said E Dawlabani

F W De Klerk e Don Beck a Oslo – foto copyright © 2011 Elza Maalouf/usata con il gentile permesso di Said E Dawlabani

 

La morte di Mandela e il futuro del Sudafrica
Dopo la pubblicazione di “The Crucible”, Linscott ha pubblicato il suo libro “Uhuru & Renaissance: South Africa in a New Century” nell’ottobre 2001. In esso usa Spiral Dynamics per osservare come i valori hanno influenzato la storia africana e mondiale nel 20° secolo. Considera anche come l’utilizzo di un approccio diverso possa essere utile per aiutare a comprendere il continente africano nel suo complesso.

Don Beck stesso è tornato in Sud Africa alla fine del 2013, come ha detto a Volckmann: “Ho ricevuto una chiamata dalla Stollenbosch University School of Business Executive Development, vicino a Città del Capo, che mi chiedeva se sarei uscito e avrei riavviato il processo. Certo, ho accettato. Hanno detto che il titolo dell’opera avrebbe dovuto essere sudafricani reinventarsi per il 21° secolo.

Quello che stiamo facendo è riportare i leader al 1994, il giorno dopo l’inaugurazione di Mandela nell’Union Building. La domanda è stata quindi posta: “Sapendo quello che sai ora, 20 anni dopo, cosa avresti fatto di diverso allora?” Ciò ha suscitato le intuizioni più interessanti, perché ora hanno il vantaggio di 20 anni di esperienza.

Quello che ho percepito dalle persone con cui ho parlato prima di andare e certamente mentre ero lì è che è arrivata la fine dell’era Mandela dove l’armonia e il non razzismo erano la chiave di volta. Ma nonostante tutto ciò, il cerchio si sta chiudendo alla grande, perché mentre non seguivano ciò che Graham Linscott e io raccomandavamo in “The Crucible”, F W DeKlerk, ultimo Presidente di Stato del Sudafrica dell’era dell’apartheid, ha recentemente parlato a Dallas. Gli ho chiesto di parlarne e lui ha detto che volevano farlo, ma l’African National Congress voleva il potere e sono andati su una percorso di gratificazione istantanea e saccheggiando il paese e semplicemente consegnando automobili tedesche ai leader neri. I bisogni delle persone non sono stati soddisfatti, perché non stavano arrivando ad affrontare i problemi critici”.

Il materiale promozionale di Stollenbosch affermava: “L’approccio di Spiral Dynamics di Beck è stato la base per la creazione dei Comitati di Pace e il successivo processo CODESA in vista delle prime elezioni post-apartheid nel 1994“.

Nelson Mandela morì mentre Beck era in Sud Africa. Ha riassunto la reazione in Sud Africa per Volckmann: “Anche se tutti sapevano che sarebbe successo, è stato comunque uno shock. Certo, la parola è passata rapidamente e quello che probabilmente hai visto dalla televisione occidentale, tutta la celebrazione, tutto il toitoi, si chiama. I sudafricani riconobbero che non era il momento di piangere. Era un momento per festeggiare e onorare un uomo che era stato come il loro George Washington e altro ancora. È stato riconosciuto a livello globale come uno dei quattro o cinque leader globali per i quali c’è un rispetto reciproco praticamente ovunque”.

Del grande statista stesso, disse: “… il contributo di Mandela fu che aveva un sistema aperto. Era piuttosto comunista, quindi posso dirvi che è andato a conferenze in Svizzera e ha sentito la natura del sistema aziendale di quinto livello. Tornò un uomo cambiato. Di conseguenza, il Sudafrica ha come vantaggio molto meno razzismo che nel nostro paese, grazie a Mandela. Ho continuato ad avvertire durante i giorni della trasformazione – non sarà una guerra civile. Piuttosto, il Sudafrica ha la possibilità di essere molto di più, sia bianco che nero, grazie ancora una volta a Mandela.

Mandela non mi avrebbe mai parlato di bianco o nero, perché credeva veramente in un Sudafrica non razziale”.

Vecchi alleati riuniti: Don Beck e Loraine Laubscher alla consegna del dottorato di Laubscher, autunno 2013. [Foto per gentile concessione di Rica Viljoen / Mandala Consulting]

Vecchi alleati riuniti: Don Beck e Loraine Laubscher alla consegna del dottorato di Laubscher, autunno 2013. [Foto per gentile concessione di Rica Viljoen / Mandala Consulting]

Grazie a Rica Viljoen, Loraine Laubscher, Russ Volckmann ed Elza Maalouf per il permesso di citare ampiamente il loro lavoro.

Scritto da Keith E. Rice con input da Don E. Beck
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2021
Traduzione italiana Stephanie Vella per Cambiamondo: marzo 2022

 

Informazioni sull’autore

Keith E. Rice, “Sociopsicologo”, è l’autore dell’acclamato libro del 2006 Knowing Me, Knowing You: an Integrated SocioPsychology Guide to Personal Fulfilment & Better Relationships. La sua missione nella vita è quella di allineare e integrare le scienze comportamentali intorno a Spiral Dynamics e un insieme di modelli e teorie correlati. La “SocioPsicologia Integrata” che lui (e altri) stanno lavorando per sviluppare ha lo scopo di fornire strumenti pratici e utili per migliorare tutti i tipi di situazioni, dai problemi di autostima e relazioni personali ai principali conflitti geopolitici.

www.integratedsociopsychology.net

Traduzione in Italiano a cura di Stephanìe Vella, Spiral Dynamics Practitioner a nome di www.cambiamondo.com

 

 

 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.